Mercoledì, 07 Giugno 2017 14:31

Rinnovo del CCNL panificatori

Foto Facebook @Panificio Marè Prati Foto Facebook @Panificio Marè Prati

La Federazione Italiana Panificatori annuncia il rinnovo del Contratto Collettivo Nazioale di Lavoro

Lo scorso maggio, dopo oltre 28 mesi di trattative, è stato siglato il nuovo Contratto Collettivo Nazionale di lavoro per le aziende di panificazione ed attività affini. La lunga e difficile trattativa, guidata per la parte datoriale dalla Federazione Italiana Panificatori, la partecipazione di Assopanificatori-Fiesa/Confesercenti e le rappresentanze dei lavoratori di FLAI-CGIL, FAI-CISL e UILA-UIL.
L’accordo di rinnovo prevede un aumento retributivo complessivo a regime di 52 euro per i panifici artigiani  e 73 euro per quelli industriali che verrà erogato in 2 tranche.  A copertura del periodo di vacanza contrattuale è stato  convenuta l’erogazione di una “una tantum”  del valore complessivo di 260 euro per i panifici artigiani e 400 per gli industriali, divisi in 3 tranche.
Le parti, nel definire i contenuti dell’accordo contrattuale, la cui scadenza è stata fissata per al 31 dicembre 2018, consapevoli delle oggettive difficoltà che le imprese stanno attraversando e contemporaneamente della necessità di prevedere nuovi strumenti utili a creare le premesse per nuovi posti di lavoro, hanno introdotto la possibilità di assumere a condizioni agevolate lavoratori in regime di “primo ingresso” (ovvero lavoratori senza esperienza specifica nel settore) e quello di “reimpiego” finalizzato al reinserimento di lavoratori disoccupati da almeno sei mesi. 

Per queste particolari tipologie di assunzioni è stato definita una retribuzione ridotta del 30% al primo anno e del 20% al secondo anno prevedendo inoltre 60 ore di formazione.
Ulteriore elemento significativo la definizione del numero di dipendenti a tempo determinato che è stato fissato in 3 qualora quelli presenti in azienda a tempo indeterminato siano fino a cinque mentre, oltre i sei, è stata fissata una percentuale del 50%. Di particolare importanza la nota a verbale con la quale le parti riconoscono la necessità di definire “un nuovo modello contrattuale più aderente alla mutate ed articolate realtà territoriali ed aziendali” fortemente sostenuta dalla Federazione Italiana Panificatori che ha più volte sottolineato le forti disparità del costo della vita tra le singole regioni italiane, disparità che dovrebbe trovare almeno parzialmente riscontro anche in termini retributivi.
Le parti hanno anche deciso di incontrarsi nuovamente entro novanta giorni dalla scadenza del contratto al fine di esaminare lo stato di applicazione degli accordi regionali di secondo livello.
Il settore della panificazione italiana è composto da oltre 25 mila aziende, il 90% delle quali di dimensioni artigianali, e occupa - direttamente e nell’indotto - a oltre 180 mila addetti.

 

Letto 2595 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

che_fame_web.jpg

SCARICA LA NOSTRA APP

pi_app.jpg
ce_app.jpg

Visita il nostro E-Shop

Visita il nostro E-Shop
cerco-offro.jpg
nostri-distributori.jpg
Copyright © - 1998-2019 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010