banner_webinar_marzo_tavola-disegno-1_tavola-disegno-1_tavola-disegno-1.jpg

SCARICA LA RIVISTA

SCARICA LA RIVISTA

… ce l’hanno fatta: Cortemilia e i paesi dell’Alta Langa sono entrati nel Guinnes dei Primati del Mondo con la fila più lunga di nocciole: 6.850 nocciole messe in fila da 86 testimoni per una lunghezza di 106,14 metri lungo la pontina sul fiume Bormida che unisce i borghi di San Pantaleo e San Michele di Cortemilia.
Forze e risorse impegnate nella la promozione del territorio con i suoi aspetti turistici, agricoli e artigianali in un clima di condivisione e partecipazione che ha visto coinvolti nell’organizzazione volontari, amministrazioni e imprenditori.
“Vogliamo, tutti insieme, far crescere l’economia dell’Alta Langa - sottolinea il vicesindaco Roberto Bodrito - e questo non può che partire dai nostri prodotti tipici tra cui le Nocciole, già considerate le più buone del mondo, faranno da traino a tutti gli altri tesori compresi i vini dei terrazzi di Cortemilia, i grandi formaggi, i salumi, il miele e tutto il resto”.
Durante quest’ultimo weekend di agosto Cortemilia celebra la 60a Edizione della Sagra della Nocciola: con cuochi e pasticcieri dell’Alta Langa impegnati in preparazioni “in contrada”.

www.comunecortemilia.it

Tutto è pronto per il gran finale del Gelato World Tour a Rimini il prossimo 5 settembre e anche noi di Pasticceria Internazionale, presenti in giuria, siamo pronti!!!
45.000 presenze al Villaggio in Alexanderplatz lo scorso sabato in occasione della tappa di Berlino del. Record giornaliero per la Germania e tre gusti vincitori ispirati all’oriente e all’esotico:
“Sapori d’Oriente”, variegato da una crema di cioccolato e cardamomo con granella di pistacchi; “Cuor di Nocciola”, nocciola IGP Piemonte, cacao dell’Ecuador e caramello, e “Sogno Esotico d’Estate”.

Sembra comporre una poesia nell’elencare e descrivere gli altri 21 gusti finalisti che concorrono per il titolo di “World’s Best Gelato”, una magia di sapori creati dai gelatieri di tutto il mondo:
“Rose di Bahrain”, al
latte insaporito con sciroppo di petali di rosa (Bahrain);
“Cremo Bueno”,
gelato nocciola guarnito con cioccolato al latte a basso contenuto di grassi e pezzi di wafer croccante (Emirati Arabi);
“Miele con gnocchetti di pain d’èpices, cannella, burro e parmigiano”
(Padova);
“Yogurt Miele e Noci”,
con sciroppo d’acero e noci di Sorrento (Padova);
“Cremoso alla nocciola con millefoglie, variegato gianduia e nocciole pralinate”
, con nocciola italiana del Piemonte e gianduia servito su un millefoglie (Dubai);
Dolcezza d’Estate”, gusto rinfrescante e dolce dei limoni sorrentini insieme alla dolcezza dello sciroppo d’acero canadese fatto in casa (Canada)
“Mandorla Affogato”
, variegato vaniglia del Madagascar con mandorle al caffè tostate e caramellate, caffè del Kenya e salsa di caramello salato (Australia);
“Novecento”, glassa al vino passito che avvolge la tradizionale crema
impreziosita dal crumble alle nocciole (Pescara);
“Sorbetto di arancia di Sóller con menta fresca e cardamomo”,
con ingredienti freschi del territorio (Palma de Mallorca);
“Tripudio d’arancia”
, panna di alpeggio viene cotta al momento della mantecazione con miele d’acacia e aromatizzata al Cognac Lapostolle e vaniglia Navan, variegato di scorzette d’arancia e stracciatella fondente (al dolce tipico australiana con base di meringa e purea di frutto della passione (Sydney);
“Cuore di Nocciola”,
con l’aroma classico della nocciola (Mantova);
“Torta di Noci Pecan dal Texas”
, con base variegata al caramello (Austin);
“Mil Hojas”,
base meringa e pasta sfoglia (Spagna);
“Cuor di Brontolo”
, ironicamente dedicato al pistacchio di Bronte (Lamezia Terme);
“Biscotto della Nonna”,
gusto che porta indietro nel tempo (Valencia);
“Delizia d’Estate”
, yogurt di latte italiano, dolce geleè di melone cantalupo, mandorle croccanti con basilico “erba reale” (Roma);
“Le Mille e una… Merenda”
, gelato al cioccolato fatto alla vecchia maniera con cioccolato svizzero, latte fresco e panna aromatizzato con l’aggiunta di infusioni, aromi e gusti che ci riportano indietro nel tempo (Dubai).
“Torta di mele”
, vaniglia e cannella con variegatura di mele renette caramellate e uva passa, pinoli e friabile biscotto (Rieti);
“Cremino”
, gelato al caramello salato variegato con crema di gianduia fatta in casa, meringa fresca e amaretti (Melbourne);
“Profumi di Sicilia”
, ricotta fresca, cannolo, mandorle biologiche, pistacchi siciliani e frutta candita, con scorza di arance rosse biologiche e succo di limoni siciliani su variegatura al caramello cremoso (Miami).

www.gelatoworldtour.com

#gelatoworldtour

Riprendono a metà settembre i corsi presso la Scuola Dolce& Salato (www.dolcesalatoscuola.com) di Maddaloni, Ce, fondata nel 1998 da Giuseppe Daddio e Aniello di Caprio e specializzata in insegnamenti di enogastronomia e pasticceria. Sono previsti corsi professionali, amatoriali e master di specializzazione, distribuiti nel fitto calendario di appuntamenti dell’anno accademico 2014/2015.
Quotati professionisti sono coinvolti in veste di docenti e, per fare un paio di esempi, segnaliamo Emmanuele Forcone dal 1° al 3 ottobre alle prese con “Dessert al piatto, pre-dessert e carezze di fine pasto”, e Davide Malizia dal 6 all’8 ottobre con “L’Arte dello Zucchero e la sua evoluzione in tutte le forme e le varie tecniche. Corso di zucchero tirato, soffiato e colato”.
Clicca ed entra nella news per conoscere il calendario completo.

C’è un evento dal respiro internazionale che vuole evidenziare e celebrare i requisiti essenziali dell'essere pizzaiuoli con la U, una delle professioni simbolo del folklore e della cultura partenopea.Il 2 e 3 settembre, a Napoli, sul lungomare Caracciolo, si disputerà la finale del XIII Campionato del Mondo del Pizzaiuolo - Trofeo Caputo, promossa dall’Associazione Pizzaiuoli Napoletani. I vincitori delle diverse tappe della Caputo Cup, organizzata dalla stessa Associazione, si contenderanno il titolo di Campione del Mondo assieme agli altri pizzaioli che parteciperanno alla kermesse. Giappone, Portogallo, Israele, Russia, Australia, Dubai, Taiwan, Emirati Arabi i Paesi che parteciperanno alla sfida.

Battezzati come “lo stadio della pizza”, gli spalti con vista sul golfo di Napoli vedranno gareggiare in vista dell’assegnazione di 8 titoli per altrettante categorie che vanno dalla preparazione della pizza classica fino a quella acrobatica. Per gli amanti che vorranno degustare alcune tra le migliori pizze “made in Naples”, la kermesse proseguirà nei giorni successivi con la partecipazione di ben 45 pizzerie storiche di Napoli e provincia, che animeranno i 30mila m2 del Pizza Village.

http://www.pizzaiuolinapoletani.it/it/campionato-mondiale-del-pizzaiuolo.html

Dal 13 al 21 settembre è in programma Levante Cakeandcooking Show, all'interno della 78ª Fiera del Levante, Bari.

L'evento coniuga due ambiti del food, il cake design e il live cooking, cogliendone rispettive peculiarità, e si svolge in un territorio dalla posizione geografica fondamentale perché abbraccia un bacino di utenza che spazia dal Sud Italia ai paesi del Mar Mediterraneo e frontalieri, mercati fertili che si stanno affacciando con interesse alle risorse agroalimentari italiane.

L'area dedicata al cake design ospiterà una ricca esposizione, esibizioni dal vivo, corsi di formazione e workshop per addetti ai lavori e per semplici amatori; e un’area dedicata alle competizioni con zucchero, cioccolato, ghiaccia reale, isomalto.

Verranno presentati prodotti e nuove creazioni per il settore dolciario artigianale e gli esperti ospiti dell’evento forniranno approfondimenti tecnici di pasticceria tradizionale e cake design.

http://www.levantecake.it/la-manifestazione/

L’appuntamento conclusivo del Gelato World Tour è fissato dal 5 al 7 settembre 2014 davanti a migliaia di turisti, nel cuore mondiale del distretto del gelato artigianale, al Parco Fellini di Rimini, di fronte alla spiaggia e accanto al Grand Hotel reso celebre dal grande regista riminese nel film Amarcord. Il 7 settembre, alle 21.30, una giuria di esperti di cui farà parte anche Pasticceria Internazionale, ed una giuria popolare, decreteranno il miglior gusto gelato del mondo, scegliendo tra quelli proposti dai 24 gelatieri in gara, provenienti dai 5 continenti. Attesi giornalisti dai 5 continenti, che racconteranno in tempo reale al pubblico dei rispettivi Paesi la sfida tra i 24 gelatieri.
Organizzato da Carpigiani Gelato University e Sigep - Rimini Fiera, il Gelato World Tour vuole trasmettere la cultura del gelato italiano. Con il supporto dell’azienda italiana fornitrice di vetrine IFI e MEC3 e il patrociniodi: Ministero degli Affari Esteri – Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese; Ministero dello Sviluppo Economico; Road to Expo 2015; Regione Emilia Romagna; Comune di Rimini; Banco di Solidarietà Rimini.
Ai supporter IFI E MEC3 per il Gran Finale si aggiunge
 Parmalat, che fornirà latte e panna freschi per il gigantesco laboratorio di gelateria allestito; Proni fornirà decine di migliaia di fragranti conetti per le degustazioni; e a celebrare il legame tra gelato e alta gastronomia, lo chef Silver Succi del ristorante “Quartopiano”sarà protagonista di show cooking, in cui racconterà ingredienti, passaggi e segreti della realizzazione di piccoli capolavori culinari.
Per il gran finale anche decine di gelaterie locali, sensibilizzate da CNA Rimini e Confartigianato Rimini, hanno già aderito al progetto e sono state inserite nella mappa interattiva MyGelato App. Gusti appositamente studiati guideranno i visitatori lungo itinerari e percorsi degustativi ideati in collaborazione con il Dipartimento di Scienze per la Qualità della vita dell’Università di Bologna – Campus di Rimini.
Acquistando i Gelato Tickets presso l’info-point del villaggio stesso o attraverso MyGelato App con pagamento on line, il pubblico diventerà giudice di gara. Votando il gusto favorito, si parteciperà anche al concorso “Taste&Win” e all’estrazione di un iPad Mini e di altri premi.

http://www.gelatoworldtour.com/press/press-download/

Secondo una ricerca effettuata attraverso Google Earth è il Centro del Mondo e il prossimo 16 agosto, in occasione del I Festival Internazionale della Nocciola e del Capodanno d’Estate, si appresta ad entrare ufficialmente anche nel Guinnes World Records con “la fila di nocciole più lunga del mondo”: Cortemilia, capitale della nocciola, tenta l’impresa e coinvolge per l’occasione tutti i sindaci dell’Alta Langa con i loro Gonfaloni per vincere una sfida che vuole essere una reale opportunità per l’intero territorio.
“Grazie alla piena collaborazione degli uffici del Guinness di Londra - precisa Carlo Zarri, il coordinatore dell’evento - faremo la fila di nocciole più lunga del mondo utilizzando anche la pontina sul Bormida partendo da via Cavour in San Pantaleo per terminare in piazza Molinari a San Michele. I testimoni, sindaci, volontari e giornalisti, che ci aiuteranno a raggiungere il record, saranno dotati di uno o più tubi in plexiglass trasparente riempiti di nocciole che uniti uno dopo l’altro, permetteranno di raggiungere il numero minimo richiesto dal GWR per entrare nel libro dei primati del mondo”.
Conclusosi il Record, prenderà il via il Festival Internazionale della Nocciola, una passeggiata enogastronomica lungo i borghi di Cortemilia tra le particolarità di carne, pesce e verdure provenienti da tutto il mondo grazie alle proposte di chef internazionali che abbineranno i prodotti caratteristici del proprio Paese alle nocciole Piemonte IGP e alle tipicità piemontesi.
Oltre 35 stand da visitare nell’attesa del count-down di mezzanotte in occasione del Capodanno d’Estate.
Quest’anno Cortemilia celebrerà inoltre la 60a Edizione della Sagra della Nocciola; il debutto è previsto per il 23 agosto con i cuochi e pasticcieri dell’Alta Langa che si esibiranno nelle proprie gustose preparazioni “in contrada” e la sfilata storico-romana che ricorda le origini imperiali di Cortemilia.

www.comunecortemilia.it

Le note notturne delle cicale, immersi nel blu scuro del mare infinito e le stelle ad incorniciare il tutto: l’antica guardiania eretta nel XVI secolo sul promontorio proteso verso il mare, immersa nella fitta vegetazione di macchia mediterranea, a difesa un tempo dell'intera Costiera Amalfitana, ha ospitato la premiazione del Concorso letterario nazionale “Sfoglia… Conca. Racconti di dolcezza” 2014, organizzato dall'Amministrazione Comunale di Conca dei Marini, dalla Pro Loco e dall'Associazione Aloe nell'ambito del SantaRosa Conca Festival. Sullo sfondo il vecchio Monastero di Santa Rosa dove la tradizione scrive della nascita della prima Santarosa, la sfogliatella tipica campana farcita con crema e pezzi di frutta.

Qui nel borgo costiero, Pasticceria Internazionale è stata onorata di ricevere il premio dedicato a due volumi editi dalla nostra casa editrice Chiriotti Editori, “Tradizione in evoluzione” di Leonardo di Carlo e “Variazioni su cioccolato e confetteria” di Eliseo Tonti. Due testi che rappresentano fiori all’occhiello, certo per la tanta soddisfazione nel farli e diffonderli, ma soprattutto per il riscontro tangibile dei lettori e di coloro che li hanno scelti quali veri e propri strumenti di lavoro, traendone benefici!

Durante l’evento di premiazione abbiamo fatto una chicchierata con il pasticciere vincitore del premio Migliore Sfogliatella 2014 con la sua “Come una Santarosa: limone e cioccolato” che ci ha confidato con entusiasmo di possedere e di seguire sempre i consigli tecnici di Leonardo di Carlo, più di 700 pagine di supporto e guida nel suo lavoro. Ha provato tantissime ricette contenute nel testo e con convinzione e un accento di stupore, sorridendo, ci ha confidato “Se si seguono alla lettera, il risultato è sicuro!”

Questo premio è per noi stimolo a proseguire sulla strada della formazione professionale e culturale, e a continuare ad offrire serio approfondimento, onestà intellettuale ed energia positiva!

Per la 1a Ristampa Aggiornata di “Tradizione in evoluzione” di Leonardo di Carlo clicca
http://shop.chiriottieditori.it/index.php?route=product/product&product_id=100

Per “Variazioni su cioccolato e confetteria” di Eliseo Tonti cilcca
http://shop.chiriottieditori.it/index.php?route=product/product&product_id=203

Visita il nostro shop

http://shop.chiriottieditori.it/

Sarà il fiore di ciliegio appoggiato sul piattino da tè decorato in stile vintage, oppure sarà il cupcake del logo in homepage delicato nel rosa della glassa a decoro… ma ci piace questo Little Choc Apothecary, il progetto della giovane Julia Kravets, un approccio olistico al dessert, un sito internet all’insegna del colore pastello e di dolci creazioni.
È un “piccolo choc” che regala armonia, rispecchiando la mia dimensione di “dolce caos”, fatto della passione per lo stile vintage, per le chine colorate dei miei disegni e per il bello e buono di una pasticceria anglo-americana che amo preparare per gli amici.
Little Choc è tante cose, è una caffetteria che serve dessert vegani, una crêperie e un bar con un’ampia selezione di te. E qui uova, latticini, zucchero bianco raffinato e ingredienti trasformati restano fuori.
In un luogo come Little Choc vai per vivere la creatività del cibo e l’arte. Un esempio è la tela di gelato, una piastrella di dolce freddo color bianco servita insieme ad un set di piccoli barattoli in vetro con colori commestibili e pennelli. Puoi guardare il tuo gelato come se fosse una tela vuota e iniziare a decorare il tuo dolce.
Oltre un centinaio di diverse erbe sono in vendita, da acquistare così come sono, oppure in miscela su richiesta in base alle proprie preferenze, suddivise per categorie nella sezione web Apothecary: Fresh Mint & Rose, Cleanse, Smile & Sunshine, Digestion, Energy e Beauty. Le crêpes sono preparate con burro di noci, crema di nocciole e cioccolato, accompagnato da latte di mandorle. Vengono utilizzati solo ingredienti biologici locali e di stagione, per garantire il gusto e la freschezza, e ridurre anche l’impronta di carbonio. Tutto all’insegna del benessere.

Little Choc aprirà il prossimo autunno a Brooklin! Julia hopes to see you there!

http://www.chocny.com/

Chiara Mancusi
Miss Apple su chiaramancusi.blogspot.it

 

Lo scorso 1 agosto presso il Belvedere Hotel a Conca dei Marini in Costiera Amalfitana, una giuria di eccezione, con Sal de Riso e l’Executive chef del Monastero Santa Rosa Hotel Christoph Bob, ha decretato la Migliore Sfogliatella 2014.
Scegliere è stato difficile, la differenza era solo un dettaglio. I cinque maestri pasticcieri finalisti in concorso al SantaRosaConcaFestival hanno nobilitato la tradizione dolciaria campana con eccellenti rivisitazioni della sfogliatella, declinata per l’occasione nei sapori dei limoni d’Amalfi e del cioccolato. Noi di Pasticceria Internazionale insieme ai presenti siamo stati piacevolmente intrigati nella scoperta dell’accoppiata limone e cioccolato.
Vincitrice la presentazione “…Come una Santarosa: limone e cioccolato” del giovane Francesco Guida del ristorante “Osteria Nonna Rosa” di Vico Equense: una delizia dal gusto straordinario costituita da una base di pasta frolla, crema pasticcera e limone candito abbinata ad una copertura di sfogliatella riccia; ad accompagnare una quenelle di cioccolato aromatizzato alla menta.
La preparazione al bicchiere “Aragostina Amalfitana” del vincitore della scorsa edizione Giuseppe Manilia della Pasticceria Orchidea di Montesano Scalo (Salerno) ha colpito per la musicalità all’assaggio, cioè la croccantezza della sfoglia ad indicare la freschezza del prodotto; la boule al cioccolato al latte e il croccantino con la julienne di limone candito hanno impreziosito il tutto.
“Ciocoriccia Lemon” è la rivisitazione retrò della forma classica della sfogliatella con una copertura al cioccolato amaro di Marco Ferrero della Pasticceria Napoletana di Taranto. Il pasticciere si è definito testimonial del passato e non ha volutamente stravolto la tradizione, presentando la sfogliatella con il tappo fatto a mano, il ripieno di semola, ricotta e un pizzico di cannella come vuole la vecchia ricetta, innovando solo con i canditi di limone della costiera, la copertura, i ciuffetti di crema al limone e le amarene affogate anch’esse nel cioccolato.
Presentazione scenica premiata come Miglior Progetto Copertina de “La Mitra” di Imma Ferraro a lavoro iniseme a Scabin al Plupum. Rivisitazione in chiave street food della sfogliatella presentata al piatto, pensata come omaggio al Patrono di Napoli San Gennaro: una tripla crema fatta di semola, ricotta e limone con gocce di cioccolato fondente. Il ghiaccio secco nell’ampollina che pulsa e macchia il piatto a significare la fede, la conoscenza e il sangue.
In tema misticheggiante e monastico il “Cestino SantaRosa di Suor Clotilde” in sfoglia riccia di Alberto Parascandolo della Pasticceria Millestelle che ha colpito la giuria per la persistenza del limone e l’impiattamento.
Incursione finale nella sezione dedicata ai barman con la proposta di Stefano Amato del Palazzo Avino di Ravello che ha presentato una rivisitazione in chiave beverage, una scomposizione della sfogliatella tutta “da bere”. In coppette Martini, ricotta di Tramonti e miele di castagne di Scala e limoncello di Ravello, crema, rum invecchiato e polvere di cacao, un grissino di sfoglia intrecciato cacao e limone, e la sferificazione del Daiquiri all’amarena in chiave costiera amalfitana al limone.

Chiara Mancusi
Miss Apple su chiaramancusi.blogspot.it

che_fame_web.jpg

SCARICA LA NOSTRA APP

pi_app.jpg
ce_app.jpg

Visita il nostro E-Shop

Visita il nostro E-Shop

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter
cerco-offro.jpg
nostri-distributori.jpg
Copyright © - 1998-2020 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010

Chiriotti DEM Popup