Noi-per-Voi

ARMANDO PALMIERI RISPONDE ALLE VOSTRE DOMANDE

Passaggio di testimone per rispondere alle crescenti richieste tecniche di voi lettori, sia sulla rivista che on line. Dopo la pionieristica collaborazione del compianto Renato Scalenghe negli Anni 80, dopo il lungo e fruttuoso lavoro di Fulvio Scolari (dal 1989 al 2006) e quello prezioso di Leonardo Di Carlo (dal 2009 al 2012), l'onere passa al nostro collaboratore “giramondo” Armando Palmieri!

Per inviare la tua domanda al nostro esperto registrati qui (o cliccando su "Crea un account" nella colonna di destra). Una volta completata la registrazione accedi all'area riservata e poi clicca su "Fai una domanda all'Esperto..." nel menu che apparirà sulla destra.

Venerdì, 18 Marzo 2016 09:50

Le principali caratteristiche della panna

Scritto da

Salve le faccio i miei complimenti per questa rubrica che trovo sempre interessante. Potrebbe gentilmente spiegarmi le principali caratteristiche della panna e perché l’adoperiamo così tanto in pasticceria? Grazie. Silvia


Ciao Silvia, sono contento che tu mi abbia posto questa domanda: la panna o crema di latte è ottenuta dai globuli di grasso che affiorano spontaneamente sulla superficie del latte, dopo un tempo di riposo o in seguito a centrifugazione. Considerando i grassi, la panna si pone a metà strada tra il latte (3,5% mg) e il burro (82% mg), visto che in genere contiene 35% mg, fino ad arrivare anche a 38%.
Nella panna sono presenti tutti i principi nutritivi del latte e, grazie ai grassi, è ricca di vitamine liposolubili A e D. È considerata un ingrediente importante in pasticceria ma anche in gelateria per il gusto delicato, l’apporto di grassi nobili e soprattutto per le caratteristiche fisiche: monta e apporta aria a molti composti come, ad esempio, mousse o creme composte. Ha anche il vantaggio di trovarsi allo stato liquido e quindi favorisce le miscelazioni, ad esempio nel gelato.
Sempre per il suo apporto in grassi, è ideale per produrre il mascarpone, con aggiunta di acido citrico. Tuttavia, quella che si usa in pasticceria ha un tenore di grassi tra il 35 e il 38%, superiore a quella usata in cucina (circa 20% mg). Ovviamente deve essere pastorizzata prima di essere messa in commercio, ma in molte preparazioni dove va utilizzata montata è preferibile non impiegare panne UHT che, proprio per via della pastorizzazione, risultano avere capacità montanti ridotte. In questi casi si preferisce utilizzare panna fresca.

Buongiorno, ma quanto c’è di vero in quello che si dice di negativo sull’aspartame?
Grazie. Andrea


Ciao Andrea, innanzitutto bisogna considerare l’aspartame (E 951) un edulcorante artificiale e quindi già questo la dice lunga sulla sua salubrità. Ha un potere dolcificante circa 250 volte più dello zucchero saccarosio e non dà calorie. Ne è sconsigliato l’uso nei prodotti che vengono sottoposti a trattamenti termici (come marmellate o prodotti da forno), in quanto al caldo si decompone e non è stabile.
Essendo un prodotto costruito in laboratorio, con tre molecole diverse (alcool metilico, acido aspartico, da qui il nome aspartame, e fenilalanina, aminoacido essenziale che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare), non può essere di certo considerato un ingrediente naturale, dunque è meglio limitarne l’uso o non assumerlo affatto.

Giovedì, 17 Marzo 2016 09:56

Crema Pasticcera. A proposito di "sineresi"

Scritto da

Ciao chef, da dove deriva il termine “sineresi”? L’ho sentito citare da un suo collega ad un corso, mentre spiegava la crema pasticcera.
Anna

Ciao Anna, synaeresis (dal greco) significa “restringimento”. Nella terminologia chimica e fisica, si parla di sineresi quando si verifica un’espulsione di piccole quantità di liquido dalle particelle di un gel. Tipico fenomeno di sineresi sono i gel che, lasciati a sé, acquistano la tendenza a rapprendersi, lasciando separata la fase disperdente.
Ad esempio, in una crema, questo avviene quando, usando amidi che formano gel a certe temperature (dette di viscosità), col passare del tempo rilasciano acqua. Questa si deposita sul fondo ed emigra in superficie per risalita capillare. L’aggiunta di sciroppo di glucosio con basso DE aiuta ad arginare tale fenomeno.

Ciao Armando, complimenti per la rubrica! Trovo sempre domande interessanti e risposte esaustive. Studiando le emulsioni, mi sono imbattuto nell’Indice di Griffin: tradotto in parole povere, cosa indica? Grazie.
Roberto

Caro Roberto, grazie per i complimenti! L’Indice di Griffin o Bilancio HLB (Hydrofilic – Lipofilic Balance) serve a indicare, in ogni sostanza emulsionante, quanta parte della molecola di un’emulsione abbia tendenza o affinità verso la parte grassa e quanta verso la parte acquosa. Ha una scala che va da 1 a 20: quando l’indice HLB indica 1, questo numero rappresenta l’emulsionante più lipofilo, mentre 20 il più idrofilo.

Cerca nel sito

VOTA LA COPERTINA 2018

VOTA LA COPERTINA 2018

La Pasticceria Scientifica

archivio-dicarlo

SCARICA LA NOSTRA APP

pi_app.jpg
ce_app.jpg

Visita il nostro E-Shop

Visita il nostro E-Shop
Copyright © - 1998-2018 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010