meet_massari_roma_1100x150_01_drg_290618.gif
Giovedì, 26 Aprile 2018 15:38

"Cento anni distillati", il libro con la storia di Magnoberta

La distilleria Magnoberta racconta i suoi 100 anni storia con un libro dal titolo "Cento anni distillati"

 

Famiglia, impresa, territorio: sono questi i termini risuonati all’interno del castello di Casale Monferrato lo scorso 19 aprile, durante la presentazione del libro “Cento anni distillati”, che racconta la storia della distilleria Magnoberta. La Magnoberta è, infatti, innanzitutto una famiglia, con i Luparia che la gestiscono da quattro generazioni, lavorando fianco a fianco con i quindici dipendenti che sono stati ringraziati da Valeria Luparia durante l’evento; i fratelli Andrea e Roberta, insieme al padre Alberto Luparia, hanno saputo, con commozione e semplicità, far apprezzare ai tanti presenti cosa significhi vivere e lavorare insieme, di generazione in generazione.
Introdotti da Alessandro Ubertis, l’assessore alla Cultura di Casale Daria Carmi, il vicepresidente della Provincia di Alessandria Federico Riboldi e il prefetto Romilda Tafuri hanno parlato di territorio, di quel Monferrato Patrimonio Unesco che si fregia di aziende che resistono alla crisi e, pur restando fedeli alle tradizioni guardano al futuro.
E il vino, l’enologia e la grappa sono stati al centro degli interventi tecnici di Alessandro Soldatini (presidente del Consorzio Tutela Grappa del Piemonte e Grappa di Barolo) ed Emilio Renato Defilippi (vicepresidente di Assoenologi e rappresentante del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali).
Elio Carmi (consulente creativo, insieme a Ubertis, per le iniziative relative al centenario della distilleria) ha poi condotto Valerio Bigano (esperto di liquori e curatore del volume), Bruna Curato (autrice dei testi) e Loris Barbano (che ha realizzato l’apparato fotografico e collabora con la Magnoberta da decenni) a raccontare come nasce, si sviluppa e quale sia l’importanza di un libro aziendale: un’occasione per scoprire la storia di un’attività, per riscoprire documenti, cimeli e saperi, per costruire una solida base sulla quale impostare il cammino futuro.
La sala gremita di collaboratori, amici, collezionisti, appassionati e curiosi ha particolarmente colpito Alberto Luparia: “Chi avrebbe mai detto che in tanti avrebbero voluto festeggiare con noi questa ricorrenza: una canzone che mi è molto cara dice che l’emozione non ha voce, ma cerco di trovare voce nella commozione per ringraziare tutti coloro che in questi anni hanno contribuito a far crescere la Magnoberta e che celebrano questo centenario, con la speranza che sia un punto di partenza per una lunga strada che affidiamo alla quinta generazione dei Luparia”.
Il libro “Cento anni distillati” è in vendita presso la Distilleria Magnoberta, in Strada Asti 6 a Casale Monferrato.

 

I 100 anni della Distilleria Magnoberta

 

La distilleria Magnoberta è nata nel 1918, dall’incontro di Domenico Magno e Paolo Berta, che avviarono un laboratorio liquoristico nel centro di Casale Monferrato, in Via Lanza.
Nel 1937 Rinaldo Luparia acquistò la piccola ma fiorente azienda, trasferendone la sede lungo la strada che porta ad Asti nel 1959, nel luogo in cui si trova ancora oggi, quando a dirigerla sono Alberto (figlio di Rinaldo), insieme ai figli Valeria, Andrea e Roberta.
A partire dagli anni ’60, la produzione della Magnoberta si è concentrata in modo particolare sulla grappa, il distillato caratteristico del Monferrato. Dalle colline, ogni autunno arrivano in azienda tonnellate di vinacce, che vengono introdotte nei 6 alambicchi di rame che sono il cuore della distilleria dal 1962. Le vinacce vengono scaldate negli alambicchi, e i vapori alcolici prodotti dal loro riscaldamento vengono concentrati, raffreddati e portati allo stato liquido. Questo procedimento avviene all’interno della colonna di rettifica, dalla quale il mastro distillatore estrae il cuore della grappa, ossia la parte più ricca di alcol etilico e di sostanze aromatiche di pregio. La grappa così prodotta viene successivamente affinata in barriques di rovere che si trovano nella cantina di invecchiamento, e quindi imbottigliata.

 

I riconoscimenti per Distilleria Magnoberta


In questi ultimi anni, dice Valeria Luparia, grandi soddisfazioni per i riconoscimenti ricevuti; ultimi in ordine di tempo i prestigiosi Premi Bibenda, con i quali, per il quarto anno consecutivo, la Grappa Morbida Magnoberta è stata insignita dei “cinque grappoli” (la valutazione più alta) dalla Fondazione Italiana Sommelier, e inserita nella Guida Bibenda 2018.  La Grappa Morbida è prodotta da vinacce di Moscato, Brachetto e Malvasia, e si conferma una delle punte di diamante della produzione della Magnoberta.

 

http://www.magnoberta.com/ita/

 

Letto 880 volte Ultima modifica il Sabato, 28 Aprile 2018 08:44

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cerca nel sito

SCARICA LA NOSTRA APP

pi_app.jpg
ce_app.jpg

Visita il nostro E-Shop

Visita il nostro E-Shop
Copyright © - 1998-2018 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010