ifi_banner_1100x150_colonna_pasticceriaextra.jpg

Discepoli di Pellegrino Artusi cercasi. Ingredienti richiesti: passione per i fornelli e abilità nel cucinare un primo piatto. Segni particolari: non essere professionisti del settore, omaggiare la cucina domestica e ispirarsi al celebre manuale artusiano. Ritorna il Premio Marietta, il concorso nazionale promosso dal Comune di Forlimpopoli, in collaborazione con Casa Artusi e l’Associazione delle Mariette, dedicato alla celebre governante dell’Artusi. Figura fondamentale nella vita di Pellegrino Artusi, Marietta Sabatini (insieme al cuoco Francesco Ruffilli) ha contribuito in maniera determinante all’impresa culinaria e editoriale tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, la Scienza in cucina e l’arte di mangiare bene. Nella cucina di casa a Firenze provarono e riprovarono centinaia e centinaia di ricette in un viaggio di sapori che ha toccato l’intera penisola: Marietta e Francesco stavano ai fornelli, Artusi correggeva, rivedeva le dosi, riscriveva i procedimenti, integrava i suggerimenti, spiegava e commentava con riflessioni personali. E per dimostrare la profonda gratitudine per quanto avevano fatto i suoi fedeli collaboratori, il gastronomo lasciò loro per testamento i diritti d'autore del suo libro, nonché a Marietta la cospicua cifra di ben 8.000 lire. Il Concorso è un omaggio alle Mariette di oggi, allo spirito della cucina domestica che ha animato tutto il percorso gastronomico e culturale dell’Artusi.

Come partecipare al Premio Marietta
Le iscrizioni al concorso sono aperte fino a martedì 3 giugno 2014: tutte le ricette devono pervenire al Comune di Forlimpopoli (P.zza Fratti 2, 47034 Forlimpopoli)indicando “Premio Marietta” entro le ore 13 dello stesso giorno. La ricetta può essere inviata anche via mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Per partecipare occorre inviare una ricetta originale di un primo piatto (pasta fresca o secca o riso) eseguibile in un tempo massimo di due ore. Requisito indispensabile, la presenza di riferimenti alla cucina domestica regionale, alla filosofia e all’opera dell’Artusi, tanto negli ingredienti quanto nella tecnica di preparazione e di presentazione.
 
La partecipazione (gratuita) è esclusivamente riservata a cuochi dilettanti, ovvero a tutti gli appassionati di cucina e di enogastronomia che non svolgono attività professionale nel settore. Le ricette eseguite devono contenere gli ingredienti (per 5 persone), il tempo di preparazione e il tipo di cottura (forno, fornello, altro), i riferimenti all’opera artusiana (stagionalità delle materie prime, curiosità storiche, tipicità territoriale). All'interno della busta l'autore dovrà indicare le proprie generalità, un numero di telefono, un indirizzo di posta elettronica, e l'attività lavorativa che attesti lo status di “dilettante” di eno-gastronomia. Una giuria di esperti selezionerà, fra tutte le ricette pervenute, le cinque finaliste. I cuochi finalisti saranno invitati a cucinare i loro piatti, come di tradizione, durante la 18ª edizione della Festa Artusiana, in calendario dal 21 giugno al 29 giugno 2014 a Forlimpopoli. La cerimonia ufficiale di premiazione del concorso si svolgerà nei giorni della manifestazione. Al vincitore va un premio di 1.000 euro, ai finalisti 5 Kg di pasta. I premi sono offerti da Conad. La giuria sarà composta da esperti e presieduta da Verdiana Gordini, Presidente dell'Associazione delle Mariette che, in nome della cuoca di Artusi, promuove in Casa Artusi la cultura gastronomica di tradizione. www.pellegrinoartusi.it e www.casartusi.it

Si è svolta a New York, la "Ultimate Barista Challenge", la gara tra i migliori baristi statunitensi, un circuito di sfide tra le migliori estrazione di caffè, performance di latte art, preparazione di cocktail e frappè a base di espresso. Ogni barista, in sfida con un altro concorrente, aveva dieci minuti di tempo per ogni fase di gara per convincere il pubblico ed un panel di giudici esigenti, tra esperti di caffè, formatori, critici gastronomici, chef e sommelier. Il format creativo della competizione americana ha l’obiettivo di introdurre il caffè di qualità e l’alta professionalità dei baristi nel mondo dell’alta ristorazione e con una modalità tipica dell’intrattenimento e del divertimento. Gli “Ultimate Barista” del 2014 sono James Duncan, che conquista il primo posto nella gara Best of Brew e Danny "Latte" Shannon, con i migliori risultati nelle categorie Latte Art ed Espresso. La Spaziale USA, con la collaborazione di Jonathan Yalenti di Benfatto Coffee, ha messo a disposizione dei Baristi dell’Ultimate Barista Challenge 2014 la S40, la macchina per espresso dall’azienda veneta. www.laspaziale.com

Come unire i piaceri della tavola con quelli della salute: forte del successo delle precedenti edizioni, torna Gusto in Scena, l’evento ideato e curato dal giornalista Marcello Coronini, in svolgimento dal 16 al 18 marzo, nella splendida cornice della Scuola Grande di San Giovanni Evangelista di Venezia. E per la sua 6ª edizione la kermesse propone ai professionisti e agli appassionati uno sviluppo dello studio avviato da Coronini sul tema “Cucinare con... cucinare senza…”, che ha portato chef di fama internazionale a sostituire attraverso la ricerca e la creatività un ingrediente di cui generalmente si abusa in cucina. Prima i grassi, quindi il sale e, nel 2013 lo zucchero. E così adesso importanti nomi della ristorazione e rinomati pasticcieri sono chiamati a salire sul palco del congresso per dare vita a una cucina del senza, attraverso studi di piatti senza grassi o senza sale o di dessert senza zucchero. Con il patrocinio di Expo Milano 2015, Comunità Europea, Enit e Città di Venezia, questa ripropone la formula dei tre eventi in uno: il congresso di alta cucina, Chef in Concerto; I Magnifici Vini, banco d'assaggio con cantine italiane e internazionali; Seduzioni di Gola, rassegna di golosità gastronomicihe. E poi, per far vivere la città lagunare, torna il Fuori di Gusto, il fuori salone che dal 15 al 18 marzo coinvolge ristoranti, bacari (le tradizionali osterie veneziane) e alcuni grandi alberghi, per gustare il pescato della laguna, le verdure delle isole, ma anche cucine internazionali associate a vini e prodotti presenti alla selezione di Gusto in Scena.

I dati della scorsa edizione fanno prevedere grandi numeri: circa 3.400, per il 70% operatori, a cui si aggiungono circa 200 giornalisti, opinion leader e blogger. Aspettative rese ancora più concreta considerando gli chef presenti nel 2013, come Andrea Aprea, Fabio Baldassarre, Gian Nicola Colucci, l’indiano Santosh Jori, Riccardo De Prà, Herbert Hintner, Mara Martin, Aurora Mazzucchelli, Luca Marchini, Giancarlo Morelli, Gian Paolo Raschi, Nicola Portinari, Maurizio Serva, Paolo Teverini, Gaetano Trovato e Ilario Vinciguerra, così come i pasticcieri Gino Fabbri, Ernst Knam e Iginio Massari. Accanto a loro, le nutrizionistae Evelina Flachi e Shigemi Hikino. E per il 2014 la manifestazione si prepara a stupire ancora di più. In virtù della collaborazione tra Gusto in Scena e "Pasticceria Internazionale", sono stati studiati particolari sconti (basta compilare il modulo Iscrizioni Congresso sul sito della manifestazione, on line fino al 13 marzo), per tutti coloro che volessero partecipare agli eventi. www.gustoinscena.it


Costi speciali riservati agli amici di Pasticceria Internazionale
Chef in concerto
Partecipazione per 16/3 - Singolo: € 65/ Gruppi di 4pp € 55
Partecipazione per due giorni - Singolo € 130/ Gruppi di 4pp € 110
Partecipazione per tre giorni - Singolo € 170/ Gruppi di 4pp € 150

Ingressi scontati a Magnifici Vini e Seduzioni di Gola (non acquistabili on line)
Partecipazione 1 giorno € 15/due giorni €25/3 giorni, €35


PROGRAMMA
Domenica 16 Marzo 2014
13.00 Inaugurazione
14.20 Ilario Vinciguerra
Ilario Vinciguerra Restaurant- Gallarate (VA)
15.00 Ernst Knam
Pasticceria l'Antica di Ernst Knam – Milano
15.40 Luigi Taglienti
Trussardi Alla Scala - Milano
16.20 Herbert Hintner
Zur Rose - San Michele Appiano (BZ)
17.00 Gianluca Fusto
Pasticcere Gianluca Fusto Consulting
Lunedì 17 Marzo 2014
9.45 Carlo Cracco
ristorante Cracco - Milano
10.30 Andrea Aprea
Vun - Park Hyatt - Milano
11.10 Paolo Teverini
Paolo Teverini - Bagno di Romagna (FC)
11.50 Luigi Biasetto
Pasticceria Biasetto a Padova
13.00 PAUSA
15.00 Luca Marchini
L'Erba del Re - Modena
15.40 Nicola e Luigi Portinari
La Peca - Lonigo (VI)
16.20 Aurora Mazzucchelli
Ristorante Marconi - Sasso Marconi (BO)
17.00 Vincenzo Candiano
Locanda Don Serafino - Ragusa Ibla
Martedì 18 Marzo 2014
9,30 Talk show e
PREMIO LEONE DI VENEZIA ALLA
CARRIERA DI UNO CHEF
10.40 Heinz Beck
La Pergola dell’Hotel Hilton - Roma
11.20 Iginio Massari
Pasticceria Veneto - Brescia
12.00 Fabio Baldassarre
Unico- Milano
13.00 PAUSA
15.00 Luca Veritti e Oscar Cavallera
Met- Hotel Metropole - Venezia
15.40 Manuel e Cristian Costardi
Ristorante Cristian e Manuel Costardi dell’ Hotel Cinzia - Vercelli
16.20 Evelina Flachi
Nutrizionista
17.00 LA COMPAGNIA DEL CIOCCOLATO –
Premio Tavoletta D'oro ai migliori cioccolatieri italiani e
al Miglior Cioccolato Senza Zucchero - Degustazioni

GUSTO IN SCENA  Particolare sommelier - Copia

 

L’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac), che da più di vent’anni si dedica all’assaggio dell’espresso italiano collaborando attivamente alla sua tutela con l’Istituto Nazionale Espresso Italiano, organizza un nuovo Forum Scientifico sul Caffè per discutere del futuro dell’espresso italiano in modo concreto e scientifico. Sette idee per pensarci seriamente: questo il filo conduttore degli interventi degli esperti chiamati sul podio a indicare la via per il successo dell’amata tazzina di caffè. Relazioni che spazieranno dai temi più antropologici del tipico, passando per le innovazioni tecniche che rendono possibile una valutazione più precisa della qualità sino a nuove idee di marketing per coinvolgere il consumatore nella difesa di questo patrimonio italiano.
 
Il meeting si terrà oggi, giovedì 13 marzo, presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, polo di ricerca che ha condotto nell’ultimo anno analisi innovative sul caffè in collaborazione con Iiac e il Centro Studi Assaggiatori. “Ma al di là delle ultime ricerche ad altissimo tasso di innovazione, il convegno darà moltissima attenzione al lato del cliente del bar – sottolinea Luigi Odello, presidente Iiac – Avremo quindi dati estremamente interessanti sulla percezione del caffè da parte dei consumatori e, prima volta al mondo, un’applicazione per valutare i bar stessi e i loro caffè, Coffee Shop Lovers, che sarà presentata proprio quel giorno”.
 
Potere quindi al consumatore, quindi. “Dare al cliente strumenti come una semplice eppure potente app per valutare e condividere ciò che beve al bar sarà un ulteriore stimolo a fare meglio  per tutti gli operatori del settore”, ha aggiunto Luigi Zecchini, presidente dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano.

Chi è l'Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè
L’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè è un'associazione senza fini di lucro che vive delle sole quote sociali. E' stato fondato nel 1993 con l’obiettivo di mettere a punto e diffondere un metodo scientifico per l'assaggio del caffè. Dalla sua fondazione l’Istituto ha svolto centinaia di corsi ai quali hanno partecipato più di 8.000 allievi da più di 40 paesi nel mondo. Il manuale Espresso Italiano Tasting, edito in italiano e in inglese, è stato tradotto in spagnolo, portoghese, tedesco, francese, russo, giapponese, cinese, coreano e tailandese. L’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè è dotato di un importante comitato scientifico che pianifica la ricerca per garantire l’innovazione del settore: ne fanno parte docenti universitari, tecnici e professionisti. Maggiori informazioni a www.assaggiatoricaffe.org

 

Biga molle (poolish)
kg.0,500 Farina W350-380
kg 0,050 Lievito naturale
kg 0,500 Acqua

Impastare tutti gli ingredienti in planetaria con foglia per 8-10 minuti, lievitare 2 ore a temperatura ambiente e a 4-6°C per 18-20 ore.


kg 1,000 Farina integrale
kg 0,010 Malto
kg 0,035 Sale
kg 0,100 Olio extra vergine
kg 0,380 Acqua
kg 0,400 Biga di lievito naturale (dalle ore 3 alle 8)
kg 1,050 Biga molle (poolish)
kg 0,330 Pasta (di riporto) del pane di Ossona

Impastare nella tuffante tutti gli ingredienti, tranne 130 g di acqua; dopo 5 minuti aggiungere l’acqua poco per volta. Lavorare in totale per 20 minuti; la temperatura dell’impasto deve essere di 24°-25°C.
Mettere l’impasto in un mastello e porre in cella di lievitazione per 60 minuti a 28°-30°C, umidità 20-30%.
Formare delle pagnotte da 500 g, fare riposare a temperatura ambiente per 30 minuti.
Allungare leggermente le pagnotte, metterle sulle assi spolverate di farina integrale con la chiusura in alto per 5-10 minuti, porre su teglie con carta da forno con chiusura sotto, praticare tre tagli trasversali; disporre in cella di lievitazione per 80-120 minuti a 28°-30°C, umidità 20-30% e 15 minuti a temperatura ambiente.
Infornare a 190°C con tiraggio chiuso, gli ultimi 10 minuti con tiraggio aperto.

Ricetta tratta dal libro "Manuale della Panificazione Italiana" di Teresio Busnelli, edito da Chiriotti Editori.
Per acquistare il libro, disponibile anche in versione e-book, CLICCA QUI

Cubetti di pan di Spagna Aurora
Crema pasticcera ricca
Crema all’arancia
Pan di Spagna morbido all’arancia  

Pan di Spagna
zucchero invertito    g    195
zucchero a velo    g    180
uova intere    g    370
latte    g    50
concentrato d’arancia    g    50
sale    g    4
farina tipo 00 w 240/260    g    370
lievito baking    g    15
burro    g    300
Amalgamare tutti gli ingredienti, tranne il baking ed il burro. Una volta amalgamato il tutto, unire il baking. Aggiungere il burro fuso a 50°C (è la parte più importante, per avere un’ottima riuscita). Stendere la massa a 4-5 mm di spessore e cuocere a 220°C a valvola chiusa per 6-8 minuti.
 
Crema ricca
latte    g    500
panna    g    500
bacca di vaniglia Bourbon    n.    1
scorza di un limone
tuorli    g    500
zucchero    g    300
farina debole    g    80
Portare ad ebollizione il latte e la panna con la vaniglia e la scorza del limone.
Amalgamare i tuorli con lo zucchero e la farina.
Passare il latte al chinoise, possibilmente nel tegame in cui si andrà a completare la crema. Versare la massa a base di zucchero, tuorli e farina sul latte bollito e portare il tutto a 82°-84°C max, avendo cura di toglierlo subito dal tegame per fermare la cottura, in modo da non granire (cioè da non formare grumi molto fini e percettibili al palato, che determinerebbero la perdita della caratteristica di cremosità liscia che una crema dovrebbe avere).

La ricetta è pubblicata sul n. 192 di "Pasticceria Internazionale"
Gino Fabbri
Bologna
www.ginofabbri.com

(le dosi sono espresse in grammi)
PAN di SPAGNA AL CIOCCOLATO
Pasta di Mandorle 189
Zucchero a Velo 19
Cioccolato 66% 19
Burro 28
Uova Intere 62
Farina 19
Lievito 1.3
Lavorare pasta di mandorle e zucchero a velo; unire lentamente le uova al primo composto, quindi il cioccolato sciolto con il burro. Setacciare fa-rina e lievito, ed unire. Porzionare il composto in 3 parti da 110 g cia-scuno. Cuocere a 190°C.

CREMOSO AL CIOCCOLATO
Panna Fresca 125
Latte Intero 100
Zucchero 25
Tuorli 50
Cioccolato 66% 140
Purea di Mandarino 25
Preparare una crema inglese con i primi quattro ingredienti. Versare la crema inglese sul cioccolato ed emulsionare. Porzionare in tre parti da 155 g. Abbattere.

GELÈ AL MANDARINO
Purea di Mandarino 400
Sciroppo di Glucosio 88
Zucchero 56
Pectina NH 8
Riscaldare tutti gli ingredienti e porzionare in tre parti da 150 g.

BASE CIOCCOLATO E NOCCIOLA
Burro 32
Zucchero 32
Tuorli 22
Farina di Nocciole 64
Sale Marino Fino 0.50
Lavorare zucchero e burro, aggiungere Tuorli, farina e sale. Stendere tra due fogli di carta da forno. Cuocere.

BASE RICOSTRUITA
Base Nocciola e Cioccolato 100
Zucchero 15
Burro 40
Cioccolato 66% 35 g

MOUSSE AL CIOCCOLATO
Tuorli 60
Zucchero 30
Latte Intero 144
Panna Fresca 144
Cioccolato 66% 383
Purea di Mandarino 35
Panna Montata Semi 582
Preparare una crema inglese con i primi quattro ingredienti ed aggiun-gere al cioccolato semisciolto, quindi inserire la purea di mandarino ed emulsionare. Fare Raffreddare a 40°C, unire la panna semimonata.

GLASSA CIOCCOLATO A SPECCHIO
Fogli di Gelatina 5
Acqua 75
Panna Fresca 180
Zucchero 180
Sciroppo di Glucosio 75
Cacao in Polvere 67
Cuocere acqua, zucchero, glucosio &e panna fresca fino a 102°C; unire polvere di cacao. Setacciare e raffreddare a 35°C.

Cher Harris
Susan Notter
Stati Uniti

(le dosi sono espresse in grammi)

SABLÈ AL PISTACCHIO
Burro (freddo a pezzetti) 138
Zucchero a velo 45
Amido di Mais 25
Sale Marino Fino 3
Farina 125
Pistacchio Siciliani a Pezzetti Fino 26
Mescolare tutti gli ingredienti fino ad un composto omogeneo. Con un mattarello, stirare la pasta tra due fogli di carta da forno fino a 4 mm; abbattere. Tagliare dei rettangoli e spennellare con uovo; salare e cuo-cere.

SORBETTO AI 10 GUSTI
Purea di Ananas 150
Purea di Mango 150
Purea di Banana 150
Purea Frutta della Passione 150
Purea di Albicocche 150
Zucchero 300
Pepe Tailandese 4
Anice stellato 3
Stecche Cannella 3
Succo di Limone Verde 200
Riscaldare la purea di ananas per cuocere tutti gli enzimi, unire le puree di mango, e banana con g  zucchero; portare a bollire. Aggiungere tutti gli ingredienti restanti, coprire in infusione per 15 minuti. Raffreddare e mantecare.

PARFAIT AL CARAMELLO
Cuocere zucchero e sciroppo fino ad un colore biondo. Aggiungere ac-qua e fare raffreddare; quindi inserire
Latte Condensato 76
Bacca di Vaniglia n. 1/2
Sale Marino Fino 50

PARFAIT
Panna montata 263
Caramello 150
Grattugiare una fava Tonka

TEGOLA AL CIOCCOLATO
Zucchero 200
Sciroppo di Glucosio 200
Cioccolato Al Latte 100
Fare un caramello con zucchero e sciroppo di glucosio. Aggiungere il cioccolato sciolto velocemente e mescolare bene. Versare su silpat e ti-rare come zucchero e formare delle tegole per decorazione.

Sciroppo di Glucosio 21
Zucchero 60
Acqua 18

SCIROPPO di VANIGLIA CON FETTE di MANGO
Acqua 500 ml.
Zucchero 200
Scorza di Limone n. 1/2
Scorza d’Arancio n. 1/2
Foglie di Menta 5
Bacca di Vaniglia n. 1/2
Riscaldare tutti gli ingredienti. Aggiungere delle fette di mango e raffreddare.

SALSA di TAPIOCA
Latte Intero 230
Zucchero 17
Perle di Tapioca Piccole 9
Perle di Tapioca Grandi 9
Latte di Cocco 37
Bacca di vaniglia n. 1/2
Cuocere tutto a medio calore fino all’addensamento. Raffreddare.

CREMA AL FRUTTO DELLA PASSIONE
Uova Intere 63
Zucchero 75
Purea di Frutto della Passione 25
Burro 93
Foglio di Gelatina 1
Succo di Limone 20
Usare il burro freddo a pezzetti. Mescolare tutti gli ingredienti a bagno-maria eccetto la gelatina. Ottenere una consistenza cremosa ed unire la gelatina. Togliere dal fuoco, mescolare con un frullino per 3 minuti. Ab-battere coprendo con pellicola di plastica.

CARAMELLO AL MANGO E FRUTTO DELLA PASSIONE
Panna 37
Lecitina 1.3
Purea di Frutti della Passione 20
Purea di Mango 75
Zucchero 88
Sciroppo di Glucosio 113
Burro 25
Mescolare panna e lecitina. Riscaldare a 70°C, incorporare poco alla volta la purea. Portare a bollore. Aggiungere lo zucchero e sciogliere senza fermare l’ebollizione. Poco alla volta, unire lo sciroppo di glucosio riscaldato. Cuocere a 104°C, inserire il burro. Cuocere a 107°C, quindi spalmare su chablon.

Ricetta di Cher Harris - Susan Notter (Stati Uniti)

 

Per 8 persone

zucchero    g    100
uova    n.    2
farina    g    100
farina di canapa    g    20
cucchiai di cacao dolce    n.    2
bicchiere di rum    n.    1/2
bustina di lievito per dolci    n.    1
marmellata ai frutti di bosco    
1 pizzico di sale
In un robot, oppure con un frustino elettrico, sbattere il burro ammorbidito assieme allo zucchero: quando il composto risulta chiaro e spumoso, aggiungere le uova a temperatura ambiente, una alla volta. Lavorare tutti gli ingredienti per qualche minuto e poi trasferire il composto in una ciotola capiente. Mescolare e setacciare assieme la farina con cacao e farina di canapa, lievito, bicarbonato, sale ed unirli al composto di uova, unendo gradualmente il latte a temperatura ambiente.
Amalgamare il tutto e dividere l’impasto nei pirottini, servendosi di una tasca da pasticciere oppure di un cucchiaio, all'interno di uno stampo per muffin. Cuocere a forno caldo e ventilato a 150°C per 30 minuti. Sfornare i muffin, lasciarli raffreddare e spolverizzarli con poco zucchero a velo e marmellata ai frutti di bosco di contorno.
Hakuna Matata - Sant’Anatolia di Narco, Pg

Per 8 persone

zucchero    g    100
uova    n.    3
farina    g    300
farina di canapa    g    60
limone     n.    1
bustina di lievito per dolci    n.    1
marmellata    g    400
Lavorare il burro ammorbidito con lo zucchero, aggiungere i tuorli e amalgamare bene il tutto. Incorporare farina, farina di canapa e la buccia grattugiata del limone impastando velocemente, fino ad un composto liscio e omogeneo. Avvolgerlo nella pellicola trasparente e fare riposare in frigo almeno un'ora. Stendere la frolla tra due fogli di carta forno ad uno spessore di pochi millimetri. Trasferire la sfoglia di frolla in una teglia ed eliminare con la rotella la pasta in eccesso, lasciando un bordo di almeno 1,5 cm.
Bucherellare con i rebbi di una forchetta, riempire di marmellata e guarnire la crostata con strisce di pasta, facendole aderire bene ai bordi. Cuocere in forno già caldo a 180°C per circa 30 minuti.

A cura della Pro Narco

Cerca nel sito

che_fame.png

SCARICA LA NOSTRA APP

pi_app.jpg
ce_app.jpg

Visita il nostro E-Shop

Visita il nostro E-Shop
cerco-offro.jpg
nostri-distributori.jpg
Copyright © - 1998-2018 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010