dubbini-_giugno_2018.jpg

Il burro in ogni sua applicazione è stato il protagonista dell'incontro che Giambattista Montanari, tecnico Corman Professional, ha tenuto in Cast Alimenti per i soci del Richemont Club. Pasta sfoglia, torte da forno e vienneserie hanno dato modo a Giambattista di far comprendere quanto usare materie prime di qualità faccia la differenza.
La pasta sfoglia è un prodotto fondamentale, ma non tutti la sanno realizzare a regola d'arte e soprattutto non la sanno sfruttare in tutte le sue molteplici varianti. Determinante la scelta degli ingredienti e il conoscere bene come essi interagiscono tra loro. Da ciò la possibilità di realizzare qualcosa di personale che permetta di distinguerci.
Gli ingredienti base sono farina, malto e materia grassa, ma entrando nello specifico il discorso si fa più complicato.
Partendo dai diversi tipi di pasta sfoglia - magra, classica, inversa, rapida o aromatizzata - ne ha illustrato le caratteristiche tecniche, limiti e vantaggi. Per la magra si utilizza una percentuale inferiore di burro e maggiore di farina, mentre per la classica il rapporto è paritario. La inversa - la pasta sfoglia per eccellenza - sa dare una sfogliatura sottile e friabile, ma delicata in estate e di durata limitata nel tempo. La pasta sfoglia rapida ha uno sviluppo più limitato, mentre l'aromatizzata permette ricette sfiziose.
Il ruolo della farina è importante e le sue caratteristiche influiscono in modo rilevante sul risultato finale. Il suo tenore proteico dovrebbe essere tale da conferire al prodotto finito elasticità ed estensibilità. Sono da sconsigliare quindi le farine eccessivamente forti, meglio utilizzarne di più deboli o di media forza.
"Particolare attenzione - sottolinea Montanari - a non utilizzare temperature troppo elevate in cottura. Ciò che permette lo sviluppo è il vapore acqueo e non la temperatura". Tra le materie prime da utilizzare il burro ricopre un ruolo fondamentale: nobile e dal sapore unico, ha anche un'elevata digeribilità. Un'ottima materia grassa deve essere plastica, estensibile e con un punto di collasso alto. Nella pasta sfoglia consiglia poi di utilizzare sia burro che panna, due emulsioni della stessa materia con effetti differenti: il primo dona friabilità, la seconda scioglievolezza.
Utili alla pastasfoglia anche aceto e limone, che permettono di allungare i tempi di conservazione ed hanno funzione antisettica.
Il malto, infine, adatto per dare colore ed in percentuale variabile in base alla sua purezza.
In degustazione, dieci vienneserie, una varierà di salatini per dare ai soci nuovi spunti: salatini di pasta sfoglia agli spinaci con senape, prosciutto cotto e carciofini, oppure con prosciutto cotto e mandorlina, pizzette con pasta sfoglia al pomodoro o girelle alla mortadella. E poi la Torta di Riso e Mango, decorata con granella di pistacchi, la Torta Frangipane Pistacchio e Limone e Torta Pere, Ricotta e Cioccolato. Molto venduta in estate la Torta Cocco e Banane, pasta frolla con leggero strato di crema al cocco sul fondo, banane macerate con rum e spadellate, ancora crema al cocco e una copertura di crumble al cocco e una spolverata di zucchero a velo. Squisite le Girelle Sfoglia e Cannella, una pasta sfoglia friabile con crema di mandorle e cannella, spennellate dopo la cottura di glassa all’arancia. Rapido da impastare infine il Croissant alle Mandorle.

Si ringrazia Francesca Vannini.

www.richemontitaly.it

 

 

Montanari-10-web

 

Montanari-18-web

Montanari 29 web

Montanari 40 web

Montanari 45 web

 

Aprea dà nuova forma alla pastiera

Geometria e leggerezza nell’interpretazione contemporanea di un classico della cucina napoletana:
Andrea Aprea presenta la Pastiera Sferica

Dopo aver reinventato la caprese, con la sua Caprese Dolce Salata, prosegue la rielaborazione dei classici ad opera di Andrea Aprea, executive chef del Vun al Park Hyatt Milano.
Per la sua Pastiera Sferica, consistenza, leggerezza, struttura e geometria vengono rivoluzionate in un approccio che, nel rispetto dei valori tradizionali, si prende la libertà di reinventare l’esperienza nel piatto, attraverso una complessa fase di studio e ricerca tecnica.

 

Per 4 persone

Per la sfera

500 g isomalto
30 g acqua

Procedimento
Portare l’isomalto alla temperatura di 180°C. Spostare dal fuoco e con l’aiuto di un mestolo aggiungere l’acqua. Versare il composto ottenuto su un silpat. Con quest’ultimo lavorare lo zucchero ancora caldo per amalgamare bene il tutto piegandolo più volte su se stesso fino ad ottenere l’effetto satinato. Soffiare la massa ancora calda (90°/100°C), fino ad avere una sfera dalla superfice sottile. Far raffreddare e creare un’apertura sulla base  che servirà poi per inserire la spuma di ricotta.

Per la spuma di ricotta
250 g ricotta di bufala
125 g latte intero (fresco)
250 g panna fresca
100 g albume
6 g colla di pesce

Procedimento
Ammollare la colla di pesce in acqua fredda. Frullare nel mixer la ricotta e il latte fino a ottenere una crema liscia. Aggiungere l’albume e la panna fresca, frullare solo per qualche istante senza montare il composto. Passare al colino fine. Sciogliere la colla di pesce in una piccola parte del composto di ricotta ottenuto e unirla a tutto il resto. Passare nuovamente al colino fine, riempire il sifone e caricarlo con 2 bombolette  per crema. Lasciare riposare per 2 ore in frigo prima di utilizzarlo.

Gelato ai canditi

1l latte
200 g panna
220 g tuorlo d'uovo
250 g zucchero
200 g  arance candite tritate
200 g limoni canditi tritati
200 g cedro candito tritato
5 g stabilizzante

Procedimento
Portare ad ebollizione il latte con la panna. Mischiare tuorli e zucchero
Unire i due composti e cuocere sempre mescolando fino a 84 gradi Aggiungere lo stabilizzante e frullare. Unire i canditi e mischiare bene Fare raffreddare e girare in mantecatrice Conservare in freezer.

Biscotto

35 g acqua
200 g zucchero
350 g burro
100 g fecola
400 g farina 00
Scorza di un limone
Scorza di una arancia
1 stecca di vaniglia i semi
3 g baking powder
3 g sale

Procedimento
Mischiare l'acqua e lo zucchero. Aggiungere il burro morbido e mischiare ma non montare. Unire poi in 3 volte le farine e gli aromi mischiati. Ottenere una pasta bella omogenea, stendere tra 2 fogli e fare Raffreddare in frigo.
Coppare della forma desiderata e cuocere in forno a 165°C per 15 minuti. Raffreddare e conservare in scatola ermetica.

Crema di grano

1 l latte
1 stecca di vaniglia i semi
200 g tuorlo
140 g zucchero
70 g maizena
100 g burro
500 g grano cotto

Procedimento
Bollire latte e vaniglia e aromi e fare bollire. Mischiare tuorli, zucchero e maizena. Unire i due elementi e bollire per 3 minuti; aggiungere il grano e bollire ancora 3 minuti.
Ritirare in un contenitore e fare raffreddare; quando tiepido incorporare il burro. Riporre in frigorifero.

Disposizione del piatto

Scaldare due cucchiai di crema e con l'aiuto di un cerchio metterla sul piatto.
Appoggiare un disco di biscotto.
Mettere dei cubettini di frutta candita sul biscotto.
Sul biscotto poi mettere una pallina di gelato.
Riempire una sfera con la spuma e coprire il gelato.
Finire con una spolverata di zucchero a velo e della scorza di arancio grattugiata.

Andrea Aprea
Executive Chef del VUN, Park Hyatt Milano
www.ristorante-vun.it/chef-it.html

 

Pastiera Sferica
di Andrea Aprea, Executive Chef del VUN

 

Per 4 persone

Per la sfera

500 g isomalto
30 g acqua

Procedimento
Portare l’isomalto alla temperatura di 180°C. Spostare dal fuoco e con l’aiuto di un mestolo aggiungere l’acqua. Versare il composto ottenuto su un silpat. Con quest’ultimo lavorare lo zucchero ancora caldo per amalgamare bene il tutto piegandolo più volte su se stesso fino ad ottenere l’effetto satinato. Soffiare la massa ancora calda (90°/100°C), fino ad avere una sfera dalla superfice sottile. Far raffreddare e creare un’apertura sulla base  che servirà poi per inserire la spuma di ricotta.

Per la spuma di ricotta
250 g ricotta di bufala
125 g latte intero (fresco)
250 g panna fresca
100 g albume
6 g colla di pesce

Procedimento
Ammollare la colla di pesce in acqua fredda. Frullare nel mixer la ricotta e il latte fino a ottenere una crema liscia. Aggiungere l’albume e la panna fresca, frullare solo per qualche istante senza montare il composto. Passare al colino fine. Sciogliere la colla di pesce in una piccola parte del composto di ricotta ottenuto e unirla a tutto il resto. Passare nuovamente al colino fine, riempire il sifone e caricarlo con 2 bombolette  per crema. Lasciare riposare per 2 ore in frigo prima di utilizzarlo.

Gelato ai canditi

1 l latte
200 g panna
220 g tuorlo d'uovo
250 g zucchero
200 g  arance candite tritate
200 g limoni canditi tritati
200 g cedro candito tritato
5 g stabilizzante

Procedimento
Portare ad ebollizione il latte con la panna. Mischiare tuorli e zucchero
Unire i due composti e cuocere sempre mescolando fino a 84 gradi Aggiungere lo stabilizzante e frullare. Unire i canditi e mischiare bene Fare raffreddare e girare in mantecatrice Conservare in freezer.

Biscotto

35 g acqua
200 g zucchero
350 g burro
100 g fecola
400 g farina 00
Scorza di un limone
Scorza di una arancia
1 stecca di vaniglia i semi
3 g baking powder
3 g sale

Procedimento
Mischiare l'acqua e lo zucchero. Aggiungere il burro morbido e mischiare ma non montare. Unire poi in 3 volte le farine e gli aromi mischiati. Ottenere una pasta bella omogenea, stendere tra 2 fogli e fare Raffreddare in frigo.
Coppare della forma desiderata e cuocere in forno a 165°C per 15 minuti. Raffreddare e conservare in scatola ermetica.

Crema di grano

1 l latte
1 stecca di vaniglia i semi
200 g tuorlo
140 g zucchero
70 g maizena
100 g burro
500 g grano cotto

Procedimento
Bollire latte e vaniglia e aromi e fare bollire. Mischiare tuorli, zucchero e maizena. Unire i due elementi e bollire per 3 minuti; aggiungere il grano e bollire ancora 3 minuti.
Ritirare in un contenitore e fare raffreddare; quando tiepido incorporare il burro. Riporre in frigorifero.

Disposizione del piatto

Scaldare due cucchiai di crema e con l'aiuto di un cerchio metterla sul piatto.
Appoggiare un disco di biscotto.
Mettere dei cubettini di frutta candita sul biscotto.
Sul biscotto poi mettere una pallina di gelato.
Riempire una sfera con la spuma e coprire il gelato.
Finire con una spolverata di zucchero a velo e della scorza di arancio grattugiata.

Andrea Aprea
Executive Chef del VUN, Park Hyatt Milano
www.ristorante-vun.it/chef-it.html

Tutti invitati dall’11 al 13 aprile alla tre giorni di studio, confronto e pratica di Latte Art e Coffee in Good
Spirits. Punto di incontro è il dc loft 127 a Milano. Si stanno scaldando i “motori” in vista dell’appuntamento tra i migliori baristi a livello internazionale delle categorie Latte Art e Coffee in Good Spirits. Per il terzo anno, infatti, Dalla Corte organizza il Campus, un’utile tre giorni cadenzata da un calendario intenso fatto di informazione, allenamenti, simulazioni di gara e piacevoli momenti aggregativi. I finalisti dello scorso anno si confronteranno con gli aspiranti campioni mondiali delle due categorie in vista della finale in programma a Melbourne – Australia, dal 15 al 18 maggio, di cui Dalla Corte è sponsor ufficiale con la macchina espresso dc pro. E' interessante notare come ogni anno aumenti il numero di baristi italiani desiderosi di “immergersi” in questa atmosfera internazionale, osservare i movimenti, carpire i segreti di professionisti affermati che operano in ogni parte del globo e confrontarsi con loro.

Gli occhi di tutti i partecipanti seguiranno con grande attenzione ogni mossa della campionessa mondiale 2013 di Latte Art, la giapponese Hisako Yoshikawa, che lavora come barista all’Ogawa Coffee di Kyoto, soprattutto quando riprodurrà il decoro che l’ha portata al successo: una rosa, una figura molto bella, ma soprattutto complessa da realizzare.

Gli specialisti della mixology si potranno invece confrontare con Victor Delpierre, vincitore WCIGS con il cocktail CCC (Cognac, Café, Cigar) composto da espresso, cognac, liquore al tabacco, un liquore di fiori di tabacco e Grand Marnier. E poi i finalisti mondiali 2013 e quelli designati nei primi mesi del 2014 (molte finali nazionali si disputeranno a ridosso della trasferta australiana), tra cui ci sono nuovamente i campioni italiani di Latte Art Chiara Bergonzi e quello di Coffee in Good Spirits Francesco Corona, entrambi più che mai determinati nel
raggiungere il podio a Melbourne.

A spiegare nel dettaglio ogni parte del regolamento e fugare qualsiasi dubbio ci penserà Sonja Björk Grant, giudice capo e trainer dei campionati LA e CIGS, che introdurrà al mondo delle competizioni internazionali organizzate dal WCE – World Coffee Events (www.worldcofeeevents.org), per poi entrare nel dettaglio delle competizioni che più interessano i finalisti. Gli sponsor ufficiali delle gare di World Latte Art e World Coffee in Good Spirits che collaborano alla realizzazione del Campus con Dalla Corte sono Mahlkönig (macinacaffè K30 Vario Air) e Urnex, con i suoi prodotti per la pulizia della macchina espresso e del macinacaffè.

Per adesioni o richieste di informazioni, è possibile scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.dallacorte.com

Il Club Criollo, il primo club-franco italiano di appassionati di cioccolato, si riunirà venerdì 28 marzo nella presti-
giosa cornice dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi per il secondo incontro di degustazione dei migliori cioccolatieri italiani e francesi.

Dopo il brillante esito dell’inaugurazione delle proprie attività presso il Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia a Roma, Il Club Criollo organizza questo secondo appuntamento a Parigi nelle sale dello splendido Hôtel de Galliffet, nelle cui cucine lavorò il celebre Marie-Antoine Carême, noto come ‘‘lo chef dei re e il re degli chef’’.

La tripla dimensione dell’alto artigianato pasticcero, dell’apertura internazionale e della missione culturale incarnata dalla storia del luogo, dalla sua funzione attuale e dai personaggi illustri che lo hanno attraversato, rappresenta alla perfezione alcuni dei valori fondamentali del Club Criollo, come anche lo scambio e l’incontro delle eccellenze.

Bénédicte de Chambure e Domenico Biscardi, fondatori del club, proseguono con passione il percorso iniziato il 18 ottobre 2013 a Roma con la volontà di valorizzare i terroirs europei del cioccolato e di tessere una rete sempre più stretta di legami tra l’Italia e la Francia. Questo, in un quadro contemporaneo di relazioni europee che richiedono un contributo sempre più vasto di sostegno e appoggio anche attraverso eventi di dialogo organizzati in settori fino ad oggi trascurati come quello del cioccolato.

In un panorama più largo, le recenti notizie di una possibile penuria di Cacao, dovuta all’aumento dei consumi nei paesi emergenti e all’invecchiamento delle piante e le dirette conseguenze sull’aumento dei prezzi sul mercato internazionale, toccano direttamente le attività del Club Criollo, che organizza nell’ambito delle serate di degustazione dei momenti di approfondimento delle tematiche legate al mondo del cacao tramite l’intervento degli specialisti del settore.

Grazie al sostegno e alla collaborazione delle massime istituzioni italiane e francesi, della stampa e, naturalmente, dei cioccolatieri e dei membri dell’associazione, il Club Criollo vuole quindi presentarsi come un luogo di conoscenza e scoperta che a partire dal cacao permette delle connessioni mulptiple con altri campi dell’attività umana.

Per la serata di venerdì, il Club Criollo proporrà ai membri, alla stampa e agli invitati la degustazione dei prodotti dei seguenti cioccolatieri: per l’Italia, Luigi Biasetto, Guido Castagna e Domori. Per la Francia: Pascal Caffet, Franck Kestener, Pascal Le Gac et Fabien Rouillard (Maison Fauchon). Nel corso della serata Valentine Tibère, esperta di Cioccolato e autrice del volume Les routes du chocolat: le Mexique (ed. Les Editions du Palais), interverrà per presentare il suo ultimo libro e autografare le copie in vendita appositamente per i presenti.

E' possibile seguire l’attualità del Club Criollo attraverso la pagina Facebook Club Criollo e, prossimamente, tramite il sito internet www.clubcriollo.com, attualmente in costruzione.

La splendida Reggia di Colorno ha fatto da cornice al compleanno del maestro della Cucina Italiana, Gualtiero Marchesi, che ha compiuto 84 anni. Docenti, studenti e tutti i professionisti che hanno costruito in questi anni il successo e l’autorevolezza di Alma, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, hanno celebrato il fondatore della nuova cucina Italiana nonché icona della cultura dell’Alta Ristorazione Italiana e Rettore della Scuola di Colorno dall’anno della sua fondazione, nel 2003.
 
Per l’occasione lo chef Matteo Berti, responsabile del Corso Superiore di Pasticceria, insieme agli studenti, ha realizzato una torta ispirata allo storico piatto del Maestro “Dripping di Pesce”. A questo importante evento sono intervenuti l’Amministratore Delegato di Alma Riccardo Carelli, che ha ricordato come il Maestro Marchesi abbia fondato la moderna cucina italiana “partendo dalle radici e portando quell’adattamento ai tempi di cui la nostra cucina aveva bisogno”, il Direttore Didattico Luciano Tona e il Direttore Operativo Andrea Sinigaglia che ha ringraziato Gualtiero Marchesi per aver contribuito a rendere ALMA uno dei centri di formazione di eccellenza in Italia e nel mondo.
 
Anche durante la sua festa, il pensiero del Maestro è stato per gli studenti “Sta a voi mettere in pratica quello che siamo riusciti a trasmettervi. Lavorate con l’intento di migliorarvi costantemente, questo è l’augurio che oggi voglio fare a voi”. http://www.alma.scuolacucina.it/

Dopo l’ufficializzazione del Comitato Mondiale d’Onore con la presentazione alla stampa il 21 gennaio scorso a Rimini, la direzione della Coppa del Mondo della Gelateria ha invitato il Comitato Mondiale d’Onore a Milano oggi, martedì 25 marzo, per il suo insediamento ufficiale. Il Comitato Mondiale d’Onore composto da un professionista di provata fama e di altissimo livello internazionale per nazione dovrà assolvere diversi compiti istituzionali di grande rilevanza per il futuro della manifestazione e delle selezioni delle squadre nei vari continenti.
Nel comitato Jean-Claude David, Presidente de la Confédération Nationale des Glaciers de France; Kamal Rahal Essoulami, Presidente di Rahal Event – Cremai, Marocco; Alejandro Tedeschi presidente dell’Associazione Fabbricanti Artigianali di gelati e affini (Afadhya) e Lorenzo Benitez preside della Scuola alberghiera più importante di Buenos Aires per l’Argentina, da tre dei fondatori della CMG, Pierpaolo Magni, Giancarlo Timballo, Luciana Polliotti e da Gabriella de Girolamo per Sigep-Riminifiera. L’incontro è sponsorizzato dal Platinum sponsor della Coppa del Mondo della Gelateria Comprital S.p.A. che, generosamente, ha messo a disposizione i finanziamenti per la sua realizzazione.
www.coppamondogelateria.it

La Giornata Europea del Gelato Artigianale, stabilita il 5 luglio 2012 dal Parlamento Europeo con l'intento di ricordare e riconoscere il valore di questo alimento, si prepara alla sua seconda edizione ed il Gelato Museum di Anzola dell’Emilia, Bo, il primo dedicato all’approfondimento di storia, cultura e tecnologia di questo alimento che ben rappresenta l’eccellenza e la creatività Made in Italy nel mondo, raddoppia i festeggiamenti, rimanendo aperto domenica 23 e lunedì 24 marzo 2014 (dalle 14 alle 17,30) con possibilità di visita guidata gratuita per tutti coloro che acquisteranno un gelato presso il Carpigiani Gelato Lab.

Domenica 23 marzo, alle ore 16 e alle 17, il Gelato Museum organizzerà inoltre presso il Carpigiani Gelato Lab due laboratori didattici gratuiti per i bambini, intitolati "Viaggio nel tempo con il gelato" (numero limitato di posti). Info e prenotazioni:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; 051 6505306.

Inoltre, tutti gli studenti (o coloro che hanno meno di 35 anni e terminato gli studi da non più di un anno) hanno ancora la possibilità di partecipare al premio “Gelato Pixel Passion, gusto ed emozioni sotto zero… a prova di scatto”! Visitando il sito www.fondazionecarpigiani.it si può scoprire come vincere una borsa di studio alla Carpigiani Gelato University!

Migliaia di gelaterie in tutta Europa (Canada e Polonia incluse) celebreranno tale ricorrenza creando un gusto speciale, con la medesima ricetta; si tratterà di un gelato di fior di latte, cioccolato e succo di arancia, intitolato “Stracciatella d’Europa”. Il prezzo di una coppetta sarà 1 €. La stracciatella è stata scelta in ricordo del gelatiere artigiano Enrico Panattoni (scomparso nell’ottobre 2013), cui è attribuita la paternità del gusto.

Per chi volesse saperne di più, al sito www.artglace.com le linee guida di questa attesissima seconda edizione, stabilite dal Consiglio Direttivo di Artglace - Confédération des Associations des Artisans Glaciers de la Communauté Européenne -.

Per questo evento, è stato creato un hashtag ufficiale: #gelatoday. Condividendo opinioni, foto e video sui social abbinati a #gelatoday, verrà creata alla fine della Giornata una "storia" condivisa della manifestazione, arricchita delle esperienze di tutti i partecipanti!

Sarà un'occasione unica per assaggiare un buon gelato artigianale e sostenere la qualità e il valore di un prodotto consigliato anche da dietologi e nutrizionisti, una vera eccellenza in termini di qualità e sicurezza alimentare, che contribuisce all’economia del territorio, coinvolgendo i produttori locali quali maggiori fornitori di materie prime per i gelatieri.

www.fondazionecarpigiani.it / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Oltre 5.800 chili di derrate alimentari, che si pensa potranno soddisfare per due mesi 400 nuclei familiari. Ecco i conteggi finali dell’iniziativa ‘Gusto della solidarietà’ promossa al termine di Sigep 2014 da Rimini Fiera insieme a Banco di Solidarietà (capofila dell’iniziativa), Associazione Papa Giovanni XXIII e Opera Sant'AntonioMensa dei poveri.
 
Una quarantina di volontari si sono impegnati a raccogliere il gelato non utilizzato a Rimini Fiera durante l'ultimo giorno di manifestazione e ad organizzarne la distribuzione nell’attiguo Centro Commerciale ‘I Malatesta’. Alla fine è stata raccolta la cifra di 7.700 euro, interamente destinata all’acquisto di derrate alimentari. Sono stati acquistati: 843 litri di olio, 385 scatole da un Kg di riso, 1.569 scatolette di tonno da 80 g, 227 pacchi di fette biscottate da un Kg, 488 barattoli di mais da 326 g, 417 pacchi di biscotti da 1/2 kg, 1.093 merendine confezionate da 50 g, 1.566 barattoli di pelati, 588 litri di latte, 3.663 barattoli di piselli da 400 grammi per un totale di 5.812 chili di prodotti alimentari.
 
Nelle prossime settimane, le derrate verranno distribuite dalle associazioni no profit Branco di Solidarietà, Caritas e La mensa dei Frati Minori di Rimini “Opera S. Antonio” alle famiglie più bisognose del territorio. Come si diceva, si può ipotizzare che quanto raccolto sfamerà circa 400 nuclei familiari per due mesi. Oltre alle decine e decine di aziende espositrici e alle associazioni del Sigep che hanno fornito la materia prima, nonché a Rimini Fiera che ha sostenuto direttamente le spese vive dell’iniziativa, hanno aderito al progetto: il Centro commerciale “I Malatesta”, che ha concesso ospitalità ai volontari all’interno della propria struttura; Gambarini & Muti che ha ideato la comunicazione; Fotolito Campidelli che ha stampato i materiali; Domogel e Medac, che hanno donato le termo scatole per il confezionamento del gelato; Summertrade, che ha messo a disposizione le proprie attrezzature per la raccolta e lo stoccaggio del gelato; Screems, che ha fornito gli arredi per il punto vendita; Automax, che ha fornito il camion refrigerato.
 
Le associazioni no profit, insieme a Rimini Fiera, stanno già pianificando la seconda edizione dell’iniziativa, al fine di ampliareulteriormente l'operazione di solidarietà. www.sigep.it

Lunedì 24 marzo l’Europa vivrà la giornata dedicata al gelato artigianale e Sigep annuncia un nuovo selfie contest per mettere in contatto i golosi di tutta Europa sui social network. Il 24 marzo (e solo il 24 marzo!) sul profilo Facebook di Rimini Fiera e Sigep e su Instagram, Pinterest e Twitter si potranno pubblicare i propri autoscatti realizzati con in mano del gelato artigianale. Chi farà il selfie più intrigante, curioso e originale accostato a #Sigep2015 e #Gelatoday avrà l’opportunità di essere ospite per un week-end insieme ad un accompagnatore all’edizione 2015 del Sigep. A valutare il miglior selfie sarà l’Osservatorio Sigep.
 
Da oggi fino al “Gelato Day”, Rimini Fiera e tutte le manifestazioni in programma al quartiere fieristico riminese creeranno una vera e propria community che verrà sollecitata quotidianamente a partecipare al contest. Si annuncia una grande adunata di golosi!
 
Ricordiamo che il 21 gennaio scorso, nell’ambito di Sigep, la Giornata Europea del Gelato Artigianale era stata promossa da Artglace – Confèdèration del Associations del Artisans Glaciers de la Communauté Européenne, ed è caratterizzata in questa edizione 2014 dalla Stracciatella d’Europa, il gusto scelto in ricordo del gelatiere Enrico Panattoni che l’inventò nel 1953. Per l’occasione, l’invito alle gelaterie europee è quello di vendere la coppetta di gelato al costo promozionale di 1 euro, secondo la ricetta tradizionale che prevede gelato fior di latte unito a cioccolato e succo d’arancia.

www.sigep.it e http://goo.gl/qMqfnN

Cerca nel sito

che_fame.png

SCARICA LA NOSTRA APP

pi_app.jpg
ce_app.jpg

Visita il nostro E-Shop

Visita il nostro E-Shop
cerco-offro.jpg
nostri-distributori.jpg
Copyright © - 1998-2018 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010